Pagina (1/218)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      A TEGUGLIELMINA WALTER
      QUESTE MEDITAZIONI E QUESTI PALPITIA TE
      CHE L'INDEFINITO DELLA MELODIA
     
      MI CONFIGURI
     
     
      Prologo.
     
      Ove muove questa folla la quale si urta per le vie e fa capannelle? V'ha chi s'incammina difilato alle cure del suo carico, e chi incede a zonzo per uccider la mattana; chi studia il passo per soccorrere un fratello, e chi lo rallenta ruminando egoistici disegni; chi serve e chi impera; altri contemplando le bellezze della Natura riposa la mente affaticata, ed altri si tempra a nuove imprese; quale porta sul volto il fastidio della gioja, e quale l'orgogliosa voluttÓ del dolore; quegli, miserabile, Ŕ gonfio del suo cocchio e de' suoi ciondoli, questi, ricco, superbisce de' suoi logori panni; a dritta una brigata di spensierati sciupa l'ereditÓ degli avi, a manca un pallido artigiano trascina il corpo per guadagnar pane da sostenere i suoi figliuoli; qui un crocchio discorre di Arte, e lÓ a dirimpetto un altro di Borsa; da un canto parla alto la vanitÓ dello stemma, dall'altro umile il tesoro della Virt¨. Lontan lontano approda una nave da cui veggonsi vomitare diverse maniere di stoffe, e lunghesso il lido sghignazza il mercatante lieto de' suoi trionfi; qui vicino, in un misero ed oscuro chiassuolo, erra una donna vestita di nere gramaglie, circondata di scarni figliuoli, la quale nasconde sotto uno spesso velo la vergogna della miseria. Alza la fronte, o donna, il tuo consorte morý nelle battaglie onorato, e di se vergogni la SocietÓ che ti lascia languire negli stenti!


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La ragione della musica moderna
di Niccola Marselli
Editore Detken Napoli
1859, pagine 218

   





Natura Arte Borsa Virt¨ SocietÓ