Pagina (21/272)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Queste dottrine vellicanti le passioni, e cosÝ ben maritate agli interessi, non potevano che condurre di ragione il mondo ad una general corruzione di cuore e depravazione di mente, di cui la storia ci ripete il racconto dalla caduta della Romana Repubblica in poi.
      Era ben logico e voluto dalla natura delle cose che lÓ come dovunque, il riparo ormeggiasse dappresso il male; e sorsero in allora le dottrine a cui accennavamo; dottrine che lottavano colle passioni corpo a corpo, e disputavano palmo a palmo il terreno agli interessi, isolando l'uomo dal contagioso contatto dei suoi simili, livellando le caste, staccando dalle perniciose ricchezze mezzi di feroce dispotismo, e sforzandosi di spiritualizzare l'uomo degradato per corruzione fino ai bruti tutta la sua vita concentrando nell'espiazione di un male divenuto ormai sÝ radicale ed universo, che impotente affatto era contro di lui l'opera dello individuo. Nulla di meglio infatti resta a farsi al sano, frammezzo alli appestati, che trarsi in disparte fin quando la scienza non ha ancor provvisto ai malati.
      Quelle dottrine ci vennero dall'Oriente e pi¨ precisamente dalle Indie, e dal loro istitutore si chiamarono Buddismo.
      Nell'epoca in cui le leggi e le istituzioni dei Bramini erano in maggior forza, e s'erano diffuse in tutto il paese senza eccezione, sorse dalla casta dei guerrieri, e dalla famiglia dei Sackija, Gautama, detto poi Budda (lo suscitato), figlio di re. Nacque egli nel 628 avanti Cristo. Si unÝ, secondo il costume del paese, a tre mogli; ma a 29 anni abbandon˛ padre, mogli ed un figlio, non che ogni diritto di successione al trono, e si ritir˛ nel deserto per darsi tutto a penitenza alla guisa dei Bramini.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La liberazione della donna
di Anna Maria Mozzoni
pagine 272

   





Romana Repubblica Oriente Indie Buddismo Bramini Sackija Gautama Budda Cristo Bramini