Pagina (125/272)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      La donna si ecliss˛ quindi completamente, e la rivoluzione la trov˛ inerte, retriva, profondamente inchinata a servit˙, paga della irresponsabilitÓ, perfettamente convinta, per conto suo, della necessitÓ della tutela e della dignitÓ dell'ozio.
      I Codici Civili di tutta Italia, invasi un momento dai principii venuti novellamente in circolazione, piegavano prontamente a reazione. Si ricostituivano in Napoli le primogeniture, l'antica potestÓ patria ed i monacati violenti, auspice la Santa Alleanza.
      I diritti maritali redenti per sempre dall'odioso diritto della rivendicazione personale trovavano per˛ nel Codice Penale uno zelante procuratore. Gli Stati della Chiesa camminarono all'unisono con Napoli. L'Italia Centrale, piegando verso l'Austria civilizzata dall'illuminato dispotismo di Giuseppe II e di Maria Teresa, adattarono a maggior mitezza l'organamento domestico; e la Lombardia e la Venezia signoreggiate dall'Austria fecero a questo le condizioni migliori. Il disciplinato e burocratico Piemonte vers˛ ad ambe mani sull'elemento maschile il cumulo delle sue predilezioni, e si aggiunsero in Liguria i costumi nei quali scorgi un transfugo degli antichi contatti col bendato Oriente.
      In tanta scissura di provincie, in tanta varietÓ di civili costituzioni, in tanta gelosia di politica si rendeva impossibile ad un'idea varcare le numerose e vigilate frontiere e sfuggire allo sguardo di signorie sospettose che vedevano nella pi˙ tenue innovazione una oscillazione pericolosa al loro equilibrio.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La liberazione della donna
di Anna Maria Mozzoni
pagine 272

   





Codici Civili Italia Napoli Santa Alleanza Codice Penale Stati Chiesa Napoli Italia Centrale Austria Giuseppe II Maria Teresa Lombardia Venezia Austria Piemonte Liguria Oriente