Pagina (107/212)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Si diceva che grossi corpi di truppa si schieravano sulla piazza della Reggia; che gli svizzeri stavano sotto le armi nelle corti dei quartieri; che le strade ferrate tenevansi dalla soldatesca. Una commissione fu mandata al ministero per sapere se si era pronti di andare alla chiesa; un'altra alla corte. Questa non torn˛ pi¨. Il ministero era alla Reggia e si dibatteva col re, e fiere parole e severi rimproveri si rimbeccavano. Qualcuno giunse perfino a dirgli: ho onta di avervi servito. Ma il dado era tratto: l'ora di alzare la tela era giunta. Dieci ore passate, i deputati Ricciardi e Stefano Romeo proposero che la Camera si dichiarasse costituente e costituita, e principiasse a deliberare. Carducci domand˛ per la seconda volta di mandarsi a chiamare la guardia nazionale della provincia di Salerno, onde affidarle la custodia dell'assemblea. Un altro deputato parl˛ di governo provvisorio, e Zuppetta fece proposizioni anche pi¨ energiche. Ma l'assemblea distratta, tumultuosa, in piedi, senza scopo determinato, da mille dubbi agitata, riscaldata da passioni varie, nulla intese, nulla accolse, nulla volle fare, nulla vot˛. Era un convocio sformato e incomprensibile, un agitarsi vertiginoso, tempesta subita ci coglieva senza timonieri e senza ordigni. In mezzo a questo chiasso un uomo s'introduce nella Camera, il capitano delle guardie nazionali La Cecilia, ed annunzia che nella piazza della Reggia la battaglia tra soldati e popolo erasi impegnata. Un istante appresso Filippo Capone viene a gittare sulla banca della presidenza una palla di cannone calda ancora; e dietro a lui il capitano Barone con una commissione di guardie nazionali, che domanda istruzioni sul modo da condursi, e promette difendere l'assemblea fino alla morte.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La rivoluzione di Napoli nel 1848
di Ferdinando Petruccelli della Gattina
pagine 212

   





Reggia Reggia Ricciardi Stefano Romeo Camera Salerno Zuppetta Camera La Cecilia Reggia Filippo Capone Barone