Pagina (50/98)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Distinguo i gemiti supplichevoli di Desdemona, le selvagge grida di Otello, la voce rauca del Doge. Oh che pezzi sconcertati, che cori disarmonici, che laceranti stonature da disgradarne tutti i teatri di provincia!
      Ma il pi¨ delle volte parmi di assistere a una piccola guerra di Troia, combattuta per una bellissima Elena da quattro zampe, la quale smarrita e palpitante s'aspetta a diventar preda del pi¨ gagliardo. NÚ questa Ŕ aberrazione fantastica di classica pedanteria. ╚ proprio che intendo le loro parole. Udite. Sono due Troiani che sfidano e chiamano per nome i principali guerrieri nemici. L'uno con voce lenta, soffocata, tremante di sdegno, grida: Agamenn˛ne! L'altro urla disperatamente: MenelÓo! Sono persuaso che i dotti filologi capirebbero con ugual facilitÓ e sicurezza tutto il resto di quelle rabbiose parole.
      ╚ rimarchevole che il gatto non si abbandona mai ad amori indegni del proprio sangue. Oh, in questo Ŕ aristocratico all'ultimo grado, e rigidissimo della legittimitÓ dei connubi, a differenza del cavallo, del cane, dell'uomo, e d'altri animali. Quel bestione di cavallo! a vederlo cosý grande e grosso e serio si crederebbe che dovesse avere un tantino di giudizio: ebbene, ha egli pure i suoi capriccetti, i suoi matrimoni della mano sinistra: e va a perdere la sua dignitÓ personale niente meno che cogli asini, dando origine all'ostinatissima genia dei muli. E quell'animalaccio di cane! a furia di amori plateali, bastardi, improvvisati in mezzo alle strade, Ŕ degenerato in tante varietÓ, una peggiore dell'altra, che non si potrebbe pi¨ argomentare qual fosse il suo tipo primitivo.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Sul gatto
Cenni fisiologici e morali
di Giovanni Rajberti
Editore Bernardoni Milano
1846 pagine 98

   





Desdemona Otello Doge Troia Elena Troiani Agamenn˛ne MenelÓo