Pagina (108/424)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Quindi lo smeriglio vero, che Ŕ corindone o rubino in polvere, raspa tutti i corpi, meno il diamante; e questo, essendo il pi¨ duro di tutti, non pu˛ essere pulimentato che colla propria polvere.
      5░ ╚ dunque la tenacitÓ (che il volgo chiama piuttosto durezza) quella proprietÓ, per la quale le molecule di certi solidi possono, anche energicamente, essere forzate ad allontanarsi a vicenda, senza che per questo si ottenga che in un certo loro numero, disposto tutto di sŔguito, venga a mancare quella forza.
      6░ Nell'incurvare un corpo, certamente le molecule, le quali stanno nella parte che diviene concava, vengono ad avvicinarsi; quelle invece che restano dalla parte che si fa convessa, si allontanano mutuamente. ╚ pertanto la flessibilitÓ l'attributo di certi solidi, pel quale le loro particelle possono avvicinarsi od allontanarsi a vicenda; senza che rimangano perci˛ sottratte alla forza, che le tiene attaccate insieme.
     
      III. SCOLII. 1░ ╚ singolare la fragilitÓ delle cosý dette, lacrime bataviche; che sono come fiaschettini di vetro muniti di un breve collo chiuso, i quali si ottengono col lasciar cadere delle goccie di vetro fuso nell'acqua. Il loro ventre resiste ad urti anche non tanto deboli; ma se si rompa la punta della loro coda, tutta la lacrima si riduce in polvere. Analoghe son quelle, che chiamano bottiglie di Bologna. Sono piccole bottigliette di vetro, ottenute quasi come le lacrime bataviche; le quali mostrano una sufficiente tenacitÓ: ma ove si faccia cadere dentr'esse un pezzetto di silice, all'istante scoppiano in minutissimi frantumi.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Elementi di Fisica Universale
Parte Seconda. Volume Primo
di Francesco Regnani
Stamperia delle incisioni zilografiche Roma
1863 pagine 424

   





Bologna