Pagina (159/424)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
     
      II COROLLARIO. Quello che pu dedursi da tutte le cose dette si , che l'attrazione moleculare non una forza, la quale stringa e leghi le particelle dei corpi cos alla rinfusa ed a casaccio: perch a costruire quegli spigoli perfettamente rettilinei, quelle facce cos lisce e piane, quegli angoli con tanta esattezza misurati, necessario che l'attrazione non si faccia comunque tra molecula e molecula, ma sibbene tra tale parte di una, e tale altra della vicina. Ed per che per la cristallizzazione si esige, come accennammo (29. I), che il corpo sia divisissimo, mobilissimo, tranquillissimo; cio ridotto in minutissime molecule, le quali possano girare agevolmente sopra s stesse, e riunirsi per certi punti determinati; e frattanto n sieno smosse dalla loro posizione, mentre stanno attaccandosi, n manchi loro il tempo di fare le debite conversioni, n altre molecule o cristallini gi costruiti cadano, o comunque si spingano in mezzo ad altri non ancora consolidati, e vengano ad intersiarvisi inopportunamente.
     
      III. CHIUSA. Se negli esseri organizzati si ammira, fra le altre cose, un tale ordine finale, che ogni intelletto sincero, e non al tutto accecato dalle passioni costretto a riconoscere l'esistenza di un supremo previdentissimo e provvidentissimo organizzatore; negli inorganici l'ordine simmetrico s ammirabile, che il solo regno minerale sufficiente a persuaderci, che nulla nell'Universo abbandonato al caso, ma tutto il creato porta l'impronta di una increata Sapienza ordinatrice.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Elementi di Fisica Universale
Parte Seconda. Volume Primo
di Francesco Regnani
Stamperia delle incisioni zilografiche Roma
1863 pagine 424

   





Universo Sapienza