Pagina (166/597)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Quando l'emissario di Sant'Elena incaricato di annunziare all'Europa i misteri della petrosa isola fu, per ordine della corte di Vienna, arrestato e malmenato dalla polizia di Francoforte, trov˛, appunto per questo, benevolo ascolto tra i malcontenti tedeschi. E molti anni dopo la morte di Napoleone, Hudson Lowe al suo apparire in Germania fu accusato dai liberali di tentato assassinio in danno del giovane Las Casas.
      L'imperatore era morto: una lastra di pietra nuda coprý la tomba, a cui l'ignobile nemico ricus˛ anche il nome glorioso del defunto. Il testamento annunziava con quale ardore l'italiano aveva amato la sua Francia, raccomandava al figlio di rimanere francese e di dare un giorno al paese la libertÓ, come il padre gli aveva assicurato l'eguaglianza. Al piccolo uomo tornava lusinghiera la notizia, che il grande imperatore aveva legato i duecento milioni della sua privata fortuna all'esercito e, tra gli alleati, ai paesi esausti di frontiera; un incantevole riscontro al miliardo degli emigrati! E la fabbrica delle memorie intraprese subito il suo massiccio lavoro. Lettere, diari, conversazioni dell'imperatore inondano il mercato librario: un miscuglio mirabile di veritÓ e di menzogna, di pensieri geniali e d'infernale malizia, diabolicamente interessante anche per l'avversario. La materia della storiografia imperialistica fu presto elaborata: Bignon e SÚgur aprirono la serie di quella istorica faconda, agile, instancabile, ma in fondo sleale, che domin˛ per trent'anni sull'opinione media dell'Europa, e soffoc˛ gl'ingenui racconti di un Droz o di un Barante.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La Francia dal primo Impero al 1871
di Heinrich von Treitschke
Editore Laterza Bari
1917 pagine 597

   





Sant'Elena Europa Vienna Francoforte Napoleone Hudson Lowe Germania Las Casas Francia Bignon SÚgur Europa Droz Barante