Pagina (175/597)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Proprio qui, tra le moltitudini, il bonapartismo trov˛ e trova la sua forza. Si adempý alla lettera la profezia del cantore:
     
      on parlera de sa gloiredans la chaume bien longtemps,
      l'humble toţt en cinquante ansn'aura pas d'autre histoire.
     
      Napoleone pel popolo divenne il rappresentante, il compendio della storia moderna.
      Il pi¨ strano in questo sviluppo della leggenda napoleonica Ŕ la cooperazione dello straniero. La lega delle corti legittime e delle forze nazionali, che aveva abbattuto l'imperatore, si sciolse di botto dopo la vittoria. La lotta pel diritto delle nazioni si chiuse con una ripartizione di paesi, che a mala pena era meno arbitraria della trasformazione della carta geografica fatta da Napoleone; la guerra per la libertÓ dell'Europa approd˛ a quella dittatura della Santa Alleanza, che comand˛ solo con un po' pi¨ di mitezza, ma incomparabilmente con pi¨ inconsideratezza che non un tempo il dominatore del mondo. Un amaro scontento s'impadroný dei popoli delusi, e con quello si fece strada un cambiamento profondo di opinione sulle lotte passate: un cambiamento, che ancora oggi suscita il malumore in noi patrioti prussiani, e che pure era necessario, se la vita tedesca era destinata a non cadere interamente nel sopore. In una parola, i tedeschi si abituarono a guardare con gli occhi dei loro nemici l'episodio pi¨ glorioso della loro storia moderna. In Prussia, dove il nobile sentimento della guerra di libertÓ non sparý mai interamente, la vita pubblica si era estinta, la nazione curava in silenzio le sue piaghe, e la pazzia della caccia alla demagogia e l'aggiornamento della costituzione soffocavano la pura gioia della grande lotta.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La Francia dal primo Impero al 1871
di Heinrich von Treitschke
Editore Laterza Bari
1917 pagine 597

   





Napoleone Europa Santa Alleanza Prussia