Pagina (249/597)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Ci˛ non ostante, solo nella marina si riuscý ad infondere il sentimento dinastico, e ci˛ fu dovuto all'influenza personale del cavalieresco duca di Joinville. La maggioranza dell'esercito e del popolo guardava con freddezza o impazienza l'esistenza non militare di questo governo; e come nella crisi del 1840, la brama insaziata di gloria guerresca sempre spuntava di nuovo in mille piccole occasioni. Quando un ufficiale, il cui occhiello vagheggiava il nastrino rosso, ebbe inventata la favola della grande vittoria di Masagran, il colpevole, dopo che l'inganno fu scoperto, certamente fu rimosso in segreto e punito, ma nessun grande giornale ebbe il coraggio di riconoscere l'impostura. La gloire de Masagran rimase acquisita al capitale di gloria della nazione, le vie di Masagran a Parigi e a Nancy esistono tuttora, e pochi anni or sono Napoleone III ricordava ancora all'armata d'Africa gli eroi di Isly e di Masagran!
      Le persone dei capi di governo, come il sistema di governo per sÚ stesso, non poterono entrare nel cuore di questo popolo soldato. Per quanto gli adulatori del re celebrassero l'eroe di Jemappes, questa Ôme toute franšaise, che non aveva mai portato la spada contro la Francia, stava per˛ il fatto, che il duca di Chartres non aveva trascorso i giorni pi¨ gloriosi del suo paese in comunione col suo popolo. Accadeva, come se l'istinto delle moltitudini subodorasse qualcosa della realtÓ da tempo dimenticata, che cotesto discepolo di Dumouriez pi¨ di una volta durante l'impero si era offerto di condurre un'impresa contro la patria.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La Francia dal primo Impero al 1871
di Heinrich von Treitschke
Editore Laterza Bari
1917 pagine 597

   





Joinville Masagran Masagran Masagran Parigi Nancy Napoleone III Africa Isly Masagran Jemappes Francia Chartres Dumouriez