Pagina (511/597)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Quando il mondo ufficiale si prostr˛ nella polvere davanti all'idolo del bonapartismo, quando il grande Imperatore riapparve nel manto imperiale, come gli aveva bramato, sulla colonna Vend˘me, allora il liberalismo abiur˛ come un sol uomo la fede napoleonica, e lo stesso Thiers negli ultimi volumi della sua opera cominci˛ a parlare in sordina. Le ghirlande di BÚranger appassirono. Da quando l'impero aveva seppellito sotto gli onori ufficiali il poeta nazionale, le sue poesie erano scomparse dalla buona societÓ. Una rigida critica storica si volse sull'etÓ napoleonica, e sovente diede in tale eccesso, da porre talvolta noi tedeschi nella strana condizione di dover difendere il nostro grande nemico contro i Charras, i Barni, i Chauffour-Kestner. Poi, verso la fine dei giorni neonapoleonici, Lanfrey principi˛ la sua storia di Napoleone I, che Ŕ un libro d'importanza storica modesta, ma di altissima veridicitÓ. Pi¨ vasta efficacia di questi gravi scritti ebbero i "romanzi nazionali" dell'alsaziano Erckmann e del lorenese Chatrian; frutti di un meticciamento poetico sullo stile delle opere di MŘhlbach, ma composti con assai maggior talento e qua e lÓ con schietta potenza poetica, sebbene niente affatto immuni da pregiudizi; che, per esempio, cinque prussiani bastano appena a tenere in rispetto un francese; compenetrati per˛ dal senso umano di una cultura salubre, offrono una dipintura potente dei mali e dei misfatti delle guerre ingiuste e un'esortazione alla pace di alto valore pei popoli zelatori di guerra.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

La Francia dal primo Impero al 1871
di Heinrich von Treitschke
Editore Laterza Bari
1917 pagine 597

   





Imperatore Vend˘me Thiers BÚranger Charras Barni Chauffour-Kestner Lanfrey Napoleone I Erckmann Chatrian MŘhlbach