Pagina (32/213)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Ci resterai, Palancagreca, alla gogna! Ci resterai fino a quando mi piacerÓ di assistere alle tue furibonde e grottesche contorsioni di "moglio"... fortunato prima della guerra, sfortunato dopo. NÚ ti giova saltare i fossi. Sei troppo astuto per non capire che quando ho detto che "la polemica col moglio Treves non poteva essere cavalleresca", intendevo dire che la polemica sarebbe stata - come Ŕ stata e sarÓ - senza guanti e non intendevo escludere qualsiasi altra soluzione, nemmeno quella contemplata nel Codice Gelli. Ci˛ Ŕ chiaro - per chiunque - dal contesto del mio discorso. Claudio, il Coniglio, sapeva e sa dove sto di casa. Paolo da Cannobio, 35 o Castelmorrone, 19.
      Gli stipendi. Io accuso Treves di essersi fatto pagare settecento lire anche quando l'Avanti! era in condizioni disastrosissime e dopo la direzione del
      guitto" Bissolati, che ne prendeva soltanto trecento. Invidia, gelosia? Ma no. Io non temevo e non temo i confronti e le memorie con un giornalicida qualificato come Claudio Tremens. Memorie ci sono - purtroppo! - e sono quelle dei tradimenti proletari perpetrati da Claudio Tremens, ci sono le memorie di una megalomania amministrativa che consule Treves aveva ridotto all'estremo lumicino l'organone del Partito: ecco le "memorie" che devono angustiare, umiliare l'anima sinistra di Treves, non la mia.
      Confronti? Eccoli a edificazione di tutti. Il giornalicida Treves dopo avere accoppato il Tempo e spogliatone il cadavere, aveva ridotto all'agonia l'Avanti!, sperperando il milione e duecentomila franchi della SocietÓ Editrice.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Mussolini
di Paolo Valera
pagine 213

   





Palancagreca Treves Codice Gelli Coniglio Cannobio Castelmorrone Treves Bissolati Claudio Tremens Claudio Tremens Treves Partito Treves Treves SocietÓ Editrice