Pagina (35/213)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Augusto Blanqui non ha quasi mai veduta la Francia. A 22 anni era rivoluzionario. A 72 ne aveva scontati trenta in prigione e venti in esilio.
      Era nato a Nizza nel 1805. Nel '27 aveva giÓ ricevuto una palla al collo sulla barricata di Saint-Denis di Parigi. Nella rivoluzione del '30 l'eminente sobillatore ha partecipato alla sollevazione per far cadere Carlo X, senza per questo divenire un filippista. Eloquente. Al processo egli ha evocato i morti di luglio, ha descritto la miseria proletaria, ha fatto passare sotto gli occhi dei giurati la curÚe (cuccagna) borghese e ha dato un la eroico ai caduti per spegnere la rapacitÓ degli arrivisti d'allora. Predisse le rivolte e con la mano puntata fece vedere gli uragani provocati dal paese legale. I giurati affascinati dalla sua prosa tutta fiamme e tutto pensiero lo assolsero e i giudici lo condannarono per delitto d'udienza a un anno di carcere.
      Con la prima condanna era incominciata la sua carriera. Nell'anno di prigionia il suo socialismo era divenuto adulto. In una sua pagina dice: "La ricchezza non ha che due sorgenti: l'intelligenza e il lavoro, l'anima e la vita dell'umanitÓ. Se sospendete una di queste due forze, l'umanitÓ muore". Il duello tra i lavoratori e i parassiti gli fece annunciare la decadenza della proprietÓ. Egli fu un ristauratore della uguaglianza sociale. Tra una sentenza e l'altra lo si rivide in circolazione nel 1839, quand'egli con Barbier - l'autore dei Giambi - ed altri si impadronirono dell'H˘tel de Ville, la fortezza municipale parigina.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Mussolini
di Paolo Valera
pagine 213

   





Blanqui Francia Nizza Saint-Denis Parigi Carlo X Barbier Giambi H˘tel Ville