Pagina (36/213)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      La condanna per il tentativo insurrezionale Ŕ stata grave. Blanqui era divenuto un ergastolano. Non Ŕ stato liberato che dalla rivoluzione del febbraio 1848. Non ha respirato all'aria libera che pochi minuti. Egli ha ripreso subito il lavoro del rivoluzionario socialista. "La repubblica sarebbe una menzogna se dovesse essere la sostituzione di una forma di governo a un'altra. Non basta cambiare le parole, bisogna cambiare le cose. La repubblica Ŕ l'emancipazione degli operai, Ŕ la fine del regime dello sfruttamento, Ŕ l'avvenimento di un ordine nuovo che libererÓ il lavoro dalla tirannia del capitale. LibertÓ, uguaglianza, fraternitÓ, questo motto che brilla sui frontoni dei nostri edifici non deve essere una vana decorazione teatrale. Non pi¨ illusioni! Non vi Ŕ libertÓ quando si muore di fame. Non vi Ŕ uguaglianza quando l'opulenza fa scandalo a fianco della miseria. Non vi Ŕ fraternitÓ quando l'operaio coi suoi figli affamati si trascina alle porte dei palazzi. Del lavoro e del pane! L'esistenza del popolo non pu˛ rimanere alla mercÚ dei terrori e dei rancori del capitale."
      I redattori della Rivista retrospettiva hanno tentato il suo assassinio morale chiamando il Blanqui del Club del Conservatorio un venduto. Egli Ŕ scoppiato. "E sono io, triste avanzo che trascina per le vie un corpo ammaccato sotto abiti rattoppati? Sono io che si fulmina col nome di venduto, mentre i valletti di Luigi Filippo, metamorfosati in farfalle repubblicane, volteggiano sui tappeti dell'H˘tel de Ville a diffamare dall'alto della loro virt¨, nutrita da quattro portate, il povero Giobbe sfuggito dalle prigioni dei loro padroni?


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Mussolini
di Paolo Valera
pagine 213

   





Rivista Blanqui Club Conservatorio Luigi Filippo H˘tel Ville Giobbe