Pagina (82/213)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Non occorre altro. I deputati socialisti alla Camera avrebbero dovuto urlare a Facta. Invece hanno ascoltato religiosamente il suo discorso "n con gli uni n con gli altri!" Inutile. O si combatte o ci si prostra.
      XIV
     
      IL PRIMO MASSACRO CREMONESE
     
      Oramai la rivoluzione , per noi, un sogno andato al diavolo. Non si pensa pi a tramutare un regime. dei tempi passati. La contesa dei nostri giorni stata rimpicciolita e ridotta a una bega di gruppi che lottano per delle quisquilie o per delle ragioni personali. Il fascismo che oggi contiene tutto ci che c' di spurio, ha preso il sopravvento. superiore a tutto e a tutti. Terrorizza. Si impone. Ha il coraggio che manca agli altri partiti. I socialisti, i comunisti, gli operai, i contadini continuano a lasciarsi molestare, maltrattare, rompere la testa, mandare all'ospedale a crepare sullo sdraio pubblico senza trovare modo di farla fare finita. cosa quotidiana. A guardarci con occhi esteri si direbbe che siamo un popolo uscito dai magnanimi lombi delle colonie penali. Non c' da noi che l'omicidio. Si ammazza oggi e si ammazza domani. I nostri giovani di sedici anni sanno lavorare di coltello come Lemaire e Troppmann senza sollevare il disgusto. Ho gi ricordata l'aggressione del deputato Di Vagno. Mola di Bari parsa la culla dei forzati di Finalborgo o di Portolongone. Fu tutta una truppa di giovani abituati al sangue. Ciascuno di loro ha gareggiato nel dramma orribile di distruggere la persona che doveva cessare di vivere per ordine di chi non si saputo ancora.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Mussolini
di Paolo Valera
pagine 213

   





Camera Facta Inutile Lemaire Troppmann Di Vagno Bari Finalborgo Portolongone