Pagina (159/213)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Cresciuta cattolica doveva rimanere difensora della chiesa. Dreyfus fu una creazione dei loro odi. Entrambi avevano bevuto largamente alla fonte di Drumont. Gli ebrei erano per loro saltimbanchi che battevano alle entrate dei baracconi la gran cassa con i bicipiti di cotone e dei pierrots che stormivano l'aria coi sonagli del pulcinella.
      Drumont fu una fiaccola antisemita. Spingeva quelli della sua tendenza ad abbominare la borghesia fanatica per la soppressione della Francia ebraica. Il Dreyfusismo fu l'avvenimento pi¨ clamoroso e pi¨ tragico di quei giorni. Di Alfredo Dreyfus hanno fatto fuori un traditore, uno spione, un venditore di segreti di Stato al nemico e una lurida creatura di ghetto.
      Daudet e Maurras divennero di giorno in giorno pi¨ formidabili e terribili. I repubblicani ridevano di queste scempiaggini dei leghisti per la patria monarchica. Ma l'Action Franšaise continuava a circondarsi di una giovent¨ bonne Ó tout faire. Vi accorreva, vi si dava, si prestava, compiva atti ignobili. Pubo ne era il suo leader. Daudet e i Maurras scrivevano, rinfocolavano, spingevano i tremanti monarchici, ma senza l'organizzazione degli strilloni non avrebbero potuto propalare il veleno e scatenare i livori per un rovesciamento di repubblica. Tutti i ratÚs del giornalismo, tutti i rinnegati della politica, tutti i versipelli delle organizzazioni repubblicane, tutti i ventraiuoli dell'arrivismo sociale accorrevano intorno ai Daudet e ai Maurras che diguazzavano nelle menzogne, nelle calunnie e nelle invettive.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Mussolini
di Paolo Valera
pagine 213

   





Drumont Francia Dreyfusismo Alfredo Dreyfus Stato Maurras Action Franšaise Maurras Daudet Maurras