Pagina (179/213)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Il suo amore per il popolo era falso come era falsa la sua fama di scienziato. Egli ricercava il favor delle folle per crearsi un nome. Il popolo doveva prestargli il dorso per salire. Egli non aveva nÚ un carattere, nÚ una fede. Era il Rabagas. Dalla piazza tendeva verso la reggia.
      Poi, a volta a volta, scoprý la sua viltÓ, rivel˛ le turpitudini innominabili della sua anima e si tradý irreparabilmente, da se stesso.
      Il processo Bettolo fu la prima rivelazione di Ferri. L'istrione aveva attaccato con virulenza l'ammiraglio. Si era scagliato contro i succhioni della marina, aveva sollevato con impeto di sdegno il fascio di verghe sui parassiti che ingrassavano beatamente col sangue di Pantalone.
      Ma il processo and˛ male e Ferri ebbe una grave condanna. Allora il fustigatore della camorra volt˛ casacca. Tutta la campagna che egli aveva voluta, organizzata e diretta, egli la ripudi˛, come non sua. Pur essendo intimamente persuaso di aver condotta una giusta battaglia, egli abiur˛ con spudorata menzogna alle sue idee. Termin˛ col tessere l'apologia di Bettolo! Questa la prima miserevole rivelazione dell'uomo versipelle.
      In quel tempo, e a causa delle sue escandescenze, il venditore di scienza non riusciva ad ottenere dal Governo la cattedra universitaria. Ferri non celava la sua aspirazione che era pi¨ che legittimata dallo stipendio annesso alla cattedra. Ed allora l'uomo politico ebbe nuovi ondeggiamenti, dalla folla accostandosi al Governo. Da tribuno irruente e tempestoso divenire a poco a poco uomo quasi ministeriale.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Mussolini
di Paolo Valera
pagine 213

   





Rabagas Bettolo Ferri Pantalone Ferri Bettolo Governo Governo