Pagina (186/213)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      .. Paolo Orano Ŕ stanco di vivacchiare nei licei di Provincia. Vuol giungere all'UniversitÓ.
      Ma il mondo accademico italiano Ŕ ringhioso. ╚ una casta chiusa. Guglielmo Ferrero non Ŕ dell'UniversitÓ di Roma perchÚ ha al suo passivo un volume di conferenze antimilitariste. Per arrivare in alto bisogna inchinarsi e strisciare. Bisogna rinnegare la vecchia fede. Bisogna meritarsi il perdono dei nemici. Il Carducci poeta repubblicano non esce dalla mediocritÓ nel concetto delle classi dirigenti. Ma l'ode alla Regina Margherita lo balza al Parnaso.
      Fra poco anche Paolo Orano sarÓ un grande filosofo librettato e riconosciuto dai poteri della Monarchia. Io lo lascio nel cimitero degli uomini senza spina dorsale.
      Non ho finito. Adesso acciuffo e porto sulla bascule della mia ghigliottina, un altro miserabile giullare del nazionalismo, un altro impudentissimo transfuga: Tomaso Monicelli. L'ho conosciuto nel '904. Scriveva sull'Avanguardia del Labriola e del Mocchi. Faceva l'impiegatuccio privato a Milano. Il suo pseudonimo era l'Homme qui rit. Ricordo i suoi Medaglioni riformisti. Una prosa stentata, greve. Non prometteva il Monicelli del Viandante. ╚ stato lo sciopero generale del settembre che lo ha rivelato. La cronaca di quelle memorabili giornate di dittatura proletaria - fatta dal Monicelli - rimarrÓ nella storia della prosa sovversiva. Era scritta con l'anima. C'era finalmente uno stile, e non la pedissequa, quasi plagiaria imitazione carducciana. Dopo il salutare tirocinio dell'Avanguardia, Monicelli pass˛ all'Avanti!


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Mussolini
di Paolo Valera
pagine 213

   





Paolo Orano Provincia UniversitÓ Ferrero UniversitÓ Roma Carducci Regina Margherita Parnaso Paolo Orano Monarchia Tomaso Monicelli Avanguardia Labriola Mocchi Milano Homme Medaglioni Monicelli Viandante Monicelli Avanguardia Monicelli