Pagina (194/213)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Luogo di tormenti. I pi¨ bei nomi della letteratura, della storia, delle agitazioni e della collaborazione sociale vi sono periti. Lenin, Kropotkine, Plechanoff, Dostoyesky furono uomini di pena. ╚ naturale che la prima alterazione del regime sociale debba essere stata per Kerensky l'abolizione della pena di morte. ╚ stata una prima respirata nazionale. Mussolini con la sua "rivoluzione" della marcia di Roma non si Ŕ trovato nella condizione di Kerensky. L'Italia Ŕ il paese di Cesare Beccaria. Non ci voleva proprio che Farinacci - l'avvocato di Cremona - per ricordarci che non eravamo brutali abbastanza e che dovevamo riattaccarci all'esecuzione del Boggia per riprendere la funzione del carnefice.
      XXXIV
     
      PAGLIACCIO POLITICO
     
      Con la morte di Felice Cavallotti la democrazia italiana ha perduto ogni impronta di fierezza e di virilitÓ. Si Ŕ smascolinizzata. Si Ŕ invigliacchita. Dopo il '98 Carlo Romussi non Ŕ pi¨ stato riconoscibile. La numismatica lo ha fatto entrare nella zona delle penne addomesticate. Il Secolo dopo di lui ha perso d'importanza. ╚ divenuto un giornale floscio. Stinto. Cortigiano e voltafaccia come tanti altri. I Cappa, gli Agnelli, i Gasparotto colle loro inversioni cerebrali hanno cooperato a snaturarlo. ╚ finito nelle mani di Giuseppe Bevione, il principe dei bluffisti libici.
      I cavallottiani sono oggi gente morta. Ettore Sacchi non era pi¨ che un'ombra sparuta. Del cavallottismo non aveva conservato che l'onestÓ personale. Pi¨ volte ministro, lasciava il dicastero pi¨ povero di quando vi era entrato.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Mussolini
di Paolo Valera
pagine 213

   





Kropotkine Plechanoff Dostoyesky Kerensky Roma Kerensky Italia Cesare Beccaria Farinacci Cremona Boggia Felice Cavallotti Carlo Romussi Secolo Cappa Agnelli Gasparotto Giuseppe Bevione Sacchi