Pagina (199/213)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Tempi luridi e polizieschi. La vita del profugo era sempre in pericolo. Durante la prigionia di Crispi la giovane che portava al carcere la biancheria stirata era Rosalia Montmasson. nata tra lui e lei una passione. Scarcerato i patrioti gli fecero una colletta e gli innamorati andarono a Malta. Fecero della miseria negra. Mangiarono pane e insalata e dormirono sulla paglia. Rosalia si rimise al lavoro. Crispi a scrivere la Staffetta che i pescatori facevano penetrare nel reame del re Bomba. Si capisce che la ragazza senza padre e senza madre avesse il desiderio della donna che vuole accomodarsi nella legge per rispetto al mondo. Crispi si valso della di lei ingenuit per farla passare attraverso una scena matrimoniale che avrebbe fatto sbellicare dalle risa sul palcoscenico. Cos rimasta una scena criminosa. Francesco Crispi stato capace di preparare il trucco della cerimonia coi testimoni che dovevano assistere e compiuta la farsaccia col prete che doveva benedire, unire e mettere l'anello al dito della sposa, andare a tavola con tutti loro senza rivelare con la risata la turpe commedia. Il trucco rimasto un segreto per degli anni. Rosalia Montmasson non lo ha saputo che al momento della separazione. Adagio. Io precipito. Ella stata avviata a Ginevra e lui si imbarcato per Londra. La lontananza rendeva infelice la Montmasson e non appena la fanciulla riuscita a raggranellare il denaro sufficiente per il viaggio and a raggiungerlo in Inghilterra. Divenne emissaria di Mazzini.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Mussolini
di Paolo Valera
pagine 213

   





Crispi Rosalia Montmasson Malta Staffetta Bomba Crispi Montmasson Ginevra Londra Montmasson Inghilterra Mazzini