Pagina (66/82)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Il maresciallo Daun per assai di rado collerico. Il generale Lascy assai pi duro. Egli ha un drappello d'ufficiali colonnelli, maggiori capitani, unicamente dipendenti da lui, e sono i migliori dell'armata. Fra questi il Fabris e il Lloyd. Questi non si ricordano se sia notte o giorno, s'espongono a mille incomodi e pericoli allo scopo di riconoscere il paese, gli accampamenti, e quanto dipende dal generale quartier mastro. Non v' memoria che Lascy abbia detto una volta ad alcuno: - Son contento di voi. - Egli impetuosissimo, ha un sogghigno derisore, pieno di valore, anche generoso, ma non conosce la moneta che costa meno e fa operar di pi, la cortesia, e le buone parole de' grandi. Al di lui quartiere in ogni ora i suoi ufficiali trovano tavola, e in ci spende liberamente ed necessario, poich chi sotto ai suoi ordini non pu avere ore fisse per far cosa alcuna. Mentre giorni sono eravamo a Heinitz, ebbimo un piccolo assalto coi nemici. A un nostro capitano, appostato con due cannoni di campagna sopra un'altura, pronto a difendersi, il generale Lascy mand a dire che se muovevasi l'avrebbe fatto appiccare; per un uomo d'onore, questa una maniera assai strana di comandargli. Eppure chi vi , conviene che vi stia, non v' rimedio con un superiore. Non so se nelle armate francesi o spagnuole si usi simile linguaggio. I Moscoviti si bastonano tutti, non v' che il generale in capo che non lo possa essere. Il generale bastonato dal tenente maresciallo, questi dal tenente generale, e il tenente generale dal generalissimo, ossia generale in capo.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Diario Militare
di Pietro Verri
pagine 82

   





Daun Lascy Fabris Lloyd Lascy Heinitz Lascy Moscoviti