Pagina (53/129)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Il disgraziato ministro, che non si dava pace nel vedere che il suo padrone, non che essergli grato dei servigi resigli, avesse prestato orecchio alle insinuazioni degli invidiosi e l'avesse tanto maltrattato senza voler nemmeno sentire una parola di giustificazione, deliber˛ di dare un addio al mondo, di abbracciare lo stato di eremita e di purificarsi dei passati trascorsi, andando a tuffarsi nelle acque sacre del Gange.
      Senza por tempo in mezzo, intraprese il lungo pellegrinaggio. Un giorno, mentre traversava un orribile deserto, si trov˛ a passare al margine d'una cisterna e vide in questa una Serpe, una Tigre, un'Aquila e un Orefice, che per caso vi erano caduti.
      Non appena adocchiato il Bramino viaggiatore, i quattro caduti si diedero a implorar soccorso. E quando ebbero saputo ch'egli andava in pellegrinaggio verso il Gange:
      - PoichŔ, - gli dissero, - tu compi opera cosý meritoria, una buona azione di pi¨ non potrebbe che aumentarne il valore. Tirandoci dal fondo di questa cisterna, tu ci renderai la vita e ti guadagnerai tutta la nostra riconoscenza.
      Si scus˛ a primo tratto il pellegrino, allegando non esserci alcun merito a render servizio a quattro creature della loro specie, l'una pi¨ perversa dell'altra.
      Ma i prigionieri, non che smettere, gridarono e supplicarono pi¨ forte; e finalmente il Bramino, commosso dall'umile contegno di quei disgraziati e dalle sofferenze cui erano condannati, discese in fondo alla cisterna, e, cominciando dagli animali, li tir˛ fuori uno dopo l'altro.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il pancia tantra ovvero Le cinque astuzie
Cento e pi¨ favole per divertire ed istruire la giovent¨
di Viscn¨-Sarma
SocietÓ editrice Partenopea Napoli
1914 pagine 129

   





Gange Serpe Tigre Aquila Orefice Bramino Gange Bramino