Pagina (82/129)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

     
      Non cosý Drudrascia, invitato immediatamente dopo a formulare il suo avviso. La prudenza, secondo lui, non era mai di troppo; e tanto pi¨ nel caso presente, trattandosi di uno straniero, che fino a poco tempo addietro avea militato nelle file nemiche. Bisogna andar col piŔ di piombo ed assicurarsi innanzi tutto della sinceritÓ delle intenzioni, della veritÓ dei fatti, del carattere e delle disposizioni di colui che li riferiva.
      - Chi ci sta garante, - conchiuse egli, - che le sue parole e le sue larghe proteste siano inspirate da uno schietto desiderio di staccarsi dai suoi e di unirsi a noi? Quanti e quanti esempi ci offre la storia di malvagi, i quali, presentatisi con la maschera dell'amicizia e sotto lo specioso pretesto di offrire i loro servigi, tradirono poi spudoratamente coloro che avevano aggiustato fede alle loro parole, indotti in inganno dall'ipocrisia?... Se me lo consentite, vi citer˛ a sostegno di quanto affermo, un solo esempio fra mille.
     
      LA VACCA GRASSA E LA VACCA MAGRA.
     
      In una grande cittÓ delle Indie viveva un Bramino, per nome Puniasila, il quale, occupando una carica di massima importanza, era da tutti temuto e rispettato. Questo Bramino teneva presso di se una Vacca vigorosa, che s'era straordinariamente ingrassata, andando tutti i giorni a pascolare nei campi circostanti in mezzo alle piante degli abitanti. Naturalmente, i guasti prodotti da cotesto continuo pascolo non erano pochi nŔ lievi; ma poichŔ si sapeva da tutti a qual personaggio apparteneva la Vacca devastatrice, nessuno dei danneggiati osava muover lamento.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il pancia tantra ovvero Le cinque astuzie
Cento e pi¨ favole per divertire ed istruire la giovent¨
di Viscn¨-Sarma
SocietÓ editrice Partenopea Napoli
1914 pagine 129

   





Drudrascia Indie Bramino Puniasila Bramino Vacca Vacca