Pagina (84/129)

   

pagina


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

      Le botte che le piovvero sulla schiena non si contano; poco manc˛ che non ne fosse accoppata. Alla fine, pi¨ morta che viva, si sentý trascinata la disgraziata al cospetto del padrone; e sentý anche tutti i rimproveri fatti a costui, perchŔ non prendeva le necessarie precauzioni e lasciava scorazzar la sua Vacca e recar danni incalcolabili nei campi vicini.
      Non piacquero al padrone i giusti rimproveri; e per prevenire il caso che si ripetessero, egli attacc˛ al collo della sua Vacca un grosso ciocco di legno, che le scendeva fra le gambe e la impacciava in tutti i movimenti.
      Imparate da questo esempio, - conchiuse Drudrascia mettendo termine al suo racconto, - quante mai precauzioni son necessarie per associarsi ai malvagi, o almeno a quegli individui di cui ci sono ignote le qualitÓ e le disposizioni.
      - Approvo in tutto e per tutto le idee del mio dotto collega, - disse il ministro Crudascia, avanzandosi. Un antico proverbio ci ammonisce che l'amicizia dei malvagi e l'odio della gente onesta sono egualmente pericolosi. SarÓ bene non dimenticare questa veritÓ. Prima di accogliere fra noi Stirangivý, cerchiamo di scrutarne a fondo il carattere e i sentimenti, per non esporci al rischio di collocare la nostra fiducia in uno sconosciuto, che potrebbe in avvenire rimunerarci col tradimento. D'altra parte, bisogna tener conto che Stirangivý appartiene ad una razza naturalmente abbietta, vigliacca, priva di ogni educazione. Anch'io, se me lo consentite, riferir˛ un esempio per mostrarvi i mali che ci possono incogliere affidandoci a persone vili e senza discernimento.


Pagina_Precedente  Pagina_Successiva  Indice  Copertina 

   

Il pancia tantra ovvero Le cinque astuzie
Cento e pi¨ favole per divertire ed istruire la giovent¨
di Viscn¨-Sarma
SocietÓ editrice Partenopea Napoli
1914 pagine 129

   





Vacca Vacca Drudrascia Crudascia Stirangivý Stirangivý