Vincenzo Bindi
Gaetano Braga da' ricordi della sua vita


Pagina 61 di 160       

%


     Da Napoli pass˛ a Bologna, dove dette un secondo concerto nel Liceo Rossini; fu obbligato a ripetere tutti i pezzi.
     Da Bologna si rec˛ a Genova per darvi un concerto, che gli dette onori, ma non quattrini. Tornato a Milano, per incitamento anche del suo amico Egidio Gavazzi, volle scrivere un'Operetta intitolata Reginella, che Ghislanzoni tolse dalla Statua di carne del Cicconi. Fu rappresentata nel Teatro di Lecco con un'orchestra composta tutta dei primari artisti della Scala, artisti valorosissimi, quali Angelica Moro, soprano, Piccioli, tenore, che fu sommo specialmente nell'ultima romanza: Bella del tuo sorriso, Viganotti, baritono: ottimi i cori. L'opera ebbe grande successo e fu ripetuta a Modena, Cagliari, Venezia e Milano. Fu stampata da Ricordi per canto e pianoforte ma non comparve pi¨ sulle scene!

Braga trionfa a Lisbona ed a Madrid,
ma il Caligola cade alla Scala.

     In questa epoca non mancarono a Gaetano afflizioni domestiche, e prima fra tutte la morte del padre, che lo costrinse a tornare a Giulianova. Fu anche in questo tempo che and˛ sulle scene a Lisbona il Caligola, giÓ ricordato, nel Teatro S. Carlo, alla presenza del Re, che lo volle nel suo palco e lo invit˛ a Palazzo Reale per mostrargli i suoi Stradivarii, che Braga trov˛ falsi, e per sentirlo sonare, dilettandosi egli del violoncello. A Lisbona si trov˛ presente all'arrivo del Principe Amedeo e dell'ex Regina Maria Vittoria, ed ebbe l'onore, alla stazione, di reggere tra le braccia il minore dei bambini, il nostro Duca degli Abruzzi. (22) In quella capitale del Portogallo ricevÚ grandi onori e festeggiamenti; l'orchestra gli regal˛ una corona di alloro e oro, che la Fricci mand˛ a Giulianova alla madre di lui.

(22) Cosý racconta questo incontro: "Quando Amedeo di Savoia, dopo avere ricusato il trono di Spagna, se ne venne a Lisbona presso sua sorella Maria Pia, io mi trovavo colÓ, dove avevo data l'ultima mia opera Caligola al San Carlo con molto successo. Il Re di Portogallo e la colonia italiana aspettavano il treno, che conduceva l'ex Re con tutta la Famiglia. Amedeo fu il primo a scendere, il Re di Portogallo aiut˛ la Regina pallidissima, da poco sgravata; poi scesero i due giovanetti, Duca di Aosta e Conte di Torino, e in ultimo la nutrice con un bambinello, che io, per farla scendere pi¨ comodamente, tenni per poco tempo tra le mie braccia. Era il futuro Duca degli Abruzzi, e fui io il primo abruzzese a sorreggerlo.